Primi, ultimi e prossimi


Lucie Vysloužilová, fotografa specializzata in lifestyle e moda, ci parla dei suoi successi e delle voci di una prossima pubblicazione dei suoi lavori

Fotocamera Nikon


prima?

Una Nikon D5100. Anche se all’epoca non avevo ancora intrapreso la carriera di fotografa professionista.

ultima?

La Nikon D750, la mia fedele compagna da parecchi anni, anche se ormai è arrivato il momento di sostituirla con un modello più recente.

prossima?

Bella domanda. Ho provato le fotocamere mirrorless, magari potrebbero essere la tappa successiva del mio viaggio.

Incarico


primo?

Una mia amica in stato di gravidanza mi chiese di farle un servizio fotografico. Non dimenticherò mai la sensazione che ho provato: non potevo credere che qualcuno fosse disposto a pagarmi per fare ciò che amo.

ultimo?

Proprio la settimana scorsa ho realizzato un servizio fotografico per una giovane e promettente modella ceca: gli scatti erano per il suo book fotografico, ma penso di inviarne qualcuno anche a una rivista.

prossimo?

Non vedo l’ora di tornare a viaggiare per andare all’estero a fotografare gli editoriali di moda per gli stilisti europei. Forse, però, prima dovrò ancora realizzarne parecchi qui, nella Repubblica Ceca.

Scatto in esterni


primo?

Quando ho deciso di diventare fotografa, mi sono cimentata nel progetto “Yoga and the City”. Ho fotografato maestri di yoga e ballerine di danza classica e moderna per le vie di Praga, una città storica e ricca di fascino.

ultimo?

Durante l’ultima nevicata ho fatto una lunga passeggiata con la mia fotocamera e ho visitato alcuni luoghi di Praga a me molto cari. La neve li aveva completamente trasformati. Mi sembrava quasi di vivere in una fiaba.

prossimo?

Lo sogno ogni giorno. Appena si potrà tornare a viaggiare, andrò all’aeroporto e prenderò il primo volo per la mia amata New York. Adoro le strade sudice di New York, la mia città preferita.

Credito fotografici


primo?

Il primo credito non si scorda mai. La Sulc & Svarc mi aveva assunta per scattare alla scrittrice Ludmila Vankova alcune foto poi pubblicate nell’inserto di un quotidiano nazionale. Mi è sembrato un sogno vedere il mio nome accanto alle foto.

ultimo?

Le foto della copertina e del servizio per la mia prima rivista internazionale, che ha sede a New York. Non vedo l’ora di camminare per le vie di Manhattan e acquistare una copia di Hunter con la mia fotografia in copertina.

prossimo?

Ho appena terminato un progetto intitolato “Flower Cage”. Ho lavorato con un team incredibile, a partire dal fiorista che ha creato una magnifica cornice per una serie di foto di moda artistiche che verranno pubblicate in diverse riviste.

Svolta fortunata


prima?

Nel 2015 Nikon Repubblica Ceca ha selezionato cinque fotografi ufficiali in occasione di una gara di salto in alto. Io ero una di loro. Ho legato moltissimo con le persone che lavorano in Nikon. Qualche anno dopo ero la prima donna docente della Nikon School.

ultima?

Nel 2019, alcuni amici australiani mi hanno chiesto un servizio per il loro matrimonio. Da qui è nata l’idea di un viaggio intorno al mondo per realizzare alcuni lookbook sullo stile di vita ceco per gli stilisti di moda internazionali.

prossima?

Andrò dove mi portano i miei sogni, ovvero in giro per il mondo.

Problema risolto


primo?

Quando la mia carriera ha iniziato a decollare, ho dovuto pensare al compenso che avrei dovuto chiedere per i miei servizi. Mi ci è voluto un po’ per capire quanto valevo e riuscire a spiegarlo anche agli altri.

ultimo?

Ho imparato l’arte dell’organizzazione. Prima di un servizio fotografico pianifico tutto nei minimi dettagli. Il segreto sta nel riuscire ad affrontare gli ostacoli e a imparare dai momenti di crisi.

prossimo?

Credo che le difficoltà siano positive perché insegnano sempre qualcosa e sono uno stimolo per andare avanti. Quindi, ben vengano le difficoltà, ma senza esagerare!